«

»

Feb 05

Chi va piano va sano e va lontano: come migliorare le proprie capacità di scrittura.

portatile_scritturaVolete essere degli scrittori migliori? Scrivete piano.

 

E’ questo il suggerimento di Medimorec e Risko, dell’Università di Waterloo, sulla base della loro recentissima ricerca pubblicata sul British Journal of Psychology.

 

Nello studio è stato chiesto a degli studenti universitari di scrivere dei temi su diversi argomenti: la descrizione di un giorno scolastico indimenticabile, la loro opinione sul divieto dell’utilizzo dei cellulari a scuola e un evento che ha avuto un impatto positivo su di loro.

 

Ad un campione di studenti si permetteva di scrivere al computer con una sola mano, ad un altro campione con entrambe le mani. I testi sono stati analizzati grazie a dei software specifici, evidenziando le differenze relative ai temi prodotti dai due gruppi? I risultati? La sofisticatezza linguistica,migliorava quando gli studenti scrivevano con una mano sola.

 

Che spiegazione hanno dato i due ricercatori? “La digitazione su tastiera può essere troppo fluente o troppo veloce, e può seriamente compromettere il processo di scrittura“, ha affermato Medimorec, aggiungendo: “Sembra che ciò che scriviamo è il prodotto delle interazioni tra i nostri pensieri e i mezzi che usiamo per esprimerli“.

 

scrivere_al_pc

Ovviamente, come commenta Risko, l’obiettivo dello studio non è quello di dimostrare che si scrive meglio con una mano sola, ma che la velocità di scrittura può avere delle controindicazioni. Scrivere velocemente può portare la persona a scegliere la prima parola che viene in mente, senza mettersi a ponderare su quale possa essere quella col significato migliore nel contesto del tema. Scrivere con una mano sola, invece, ha dato ai partecipanti più tempo per ricercare mentalmente la parola più adatta, producendo elaborati con un numero di parole più variegato.

 

Secondo i due ricercatori, infine, questi risultati potrebbero essere applicati anche a testi scritti non al pc, ma con carta e penna.

 

Che ne pensi di questa ricerca? Credi anche tu che scrivere velocemente danneggi il processo di scrittura creativa, o sei del parere opposto? Dacci la tua opinione!

 

Riferimento bibliografico:

Medimorec, S. and Risko, E. F. (2016), Effects of disfluency in writing. British Journal of Psychology. doi: 10.1111/bjop.12177

 

About Manuela Altieri
Laureata in Psicologia Applicata ai Contesti Istituzionali, è esperta in psicodiagnosi generale ed evolutiva. Tra i suoi interessi, gli adattamenti e le tarature dei test psicologici, la cross-culturalità e i rapporti uomo/animale.

Dettagli sull'autore

Manuela Altieri

Laureata in Psicologia Applicata ai Contesti Istituzionali, è esperta in psicodiagnosi generale ed evolutiva. Tra i suoi interessi, gli adattamenti e le tarature dei test psicologici, la cross-culturalità e i rapporti uomo/animale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>